6 marzo 2018

La scoliosi

Ricerca osteopatica delle cause e possibili soluzioni

La scoliosi è una deviazione laterale della colonna vertebrale, una condizione molto frequente che può interessare sia la zona lombare della colonna, che quella dorsale.

Scoliosi

Questa curva è sempre accompagnata da un’altra curva opposta, che serve a compensare la prima e a ripristinare almeno in parte la verticalità. Inoltre la colonna è ruotata, ed è questa la causa della gobba caratteristica della scoliosi, che compare quando la persona si inchina in avanti. Altri segni caratteristici sono una spalla più alta dell’altra, e un accorciamento apparente di una gamba, che sembra più corta dell’altra e che dipende in realtà dall’adattamento del bacino.

Scoliosi come adattamento

La cosa più importante da sapere è che la scoliosi NON è una patologia della colonna, ma il suo adattamento alle forze verticali che la attraversano, sia dall’alto che dal basso. Nella gran maggioranza dei casi la medicina non riconosce la causa che la genera, e si parla di scoliosi idiopatica, tuttavia si sa per certo che non dipende da sforzi ripetuti o posture scorrette.

Insorge nei bambini e più spesso negli adolescenti. Può peggiorare nel tempo, probabilità 7 volte più elevata nelle femmine che nei maschi, anche se nella maggior parte dei casi è di moderata entità e non dà sintomi fisici invalidanti.

È fondamentale intervenire da subito, perché durante lo sviluppo le vertebre hanno una maggiore capacità di rimodellamento. Quando lo sviluppo è terminato, la scoliosi non peggiora più, ma i tempi di rimodellamento sono molto più lunghi.

La scoliosi può avere un impatto psicologico sulla persona

Effetti psicologici della scoliosi

L’elemento più delicato, che andrebbe trattato con cura e attenzione, ma che invece purtroppo viene spesso minimizzato e trascurato dagli operatori sanitari, è l’impatto psicologico che la scoliosi ha sulle giovani persone che ne soffrono; infatti viene vissuta come una malattia, ed è ritenuta la causa di mal di schiena, rigidità e disturbi a cuore e polmoni.

Determina una perdita di autostima in questa fase delicata e importante della vita e viene vissuta come una condizione altamente stressante e deprimente. Interferisce negativamente sull’immagine di noi stessi, cioè su come la persona percepisce se stessa, proprio come quando ci si guarda allo specchio. Gli adolescenti possono nutrire sentimenti di vergogna, paura, rabbia o tristezza, e può instaurarsi una sindrome depressiva.

La pratica osteopatica si occupa anche delle cause

La pratica osteopatica si occupa anche delle cause

La scoliosi è sempre legata ad un blocco del sistema cranio sacrale, cioè un allineamento impreciso tra il cranio e l’osso sacro, pertanto la terapia cranio sacrale praticata dall’osteopata svolge un ruolo fondamentale: agisce in profondità sul Sistema Nervoso Centrale, abbassando i livelli di Stress e permettendo di ritrovare una migliore salute psicofisica.

Esistono precise disfunzioni osteopatiche che sono cause dirette di scoliosi, e il cui rilascio permette un miglioramento graduale che accompagna l’accrescimento della persona, fino ed oltre il completo sviluppo. Insieme a questa indicazione primaria, la terapia osteopatica agisce da subito, rilasciando le tensioni sulla colonna vertebrale e sull’intero corpo, migliorando mal di schiena, rigidità e sintomi viscerali associati.

Le persone optano sempre più per un approccio multidisciplinare

e persone optano sempre più per un approccio multidisciplinare

Nella terapia somato-emozionale la colonna vertebrale non viene manipolata, e a tecniche cruente e potenzialmente dolorose si preferisce un approccio piacevole e confortevole, assolutamente non doloroso e privo di controindicazioni.

Trattandosi della salute e del benessere personale, l’approccio multidisciplinare è da preferire, e la fisioterapia, la ginnastica posturale e quella correttiva, sotto le direttive dell’ortopedico, dovrebbero far parte dell’intervento terapeutico.